Ecco qualche consiglio per richiedere il reddito di cittadinanza

E’ da relativamente poco che è reso pubblico, sul portale dell’INPS, il modulo per la richiesta del reddito di cittadinanza, manovra del governo che pone l’obiettivo di fornire un sussidio di disoccupazione a chi è, al momento in difficoltà economica. Continua a leggere per tutti i dettagli.

POTREBBE INTERESSARTI: Poste Italiane offre lavoro: nuove assunzioni di postini/portalettere in tutta Italia

REDDITO DI CITTADINANZA

Da ieri, 27 Febbraio, è stato pubblicato, all’interno del portale dell’INPS, il modulo del cosiddetto “Reddito di Cittadinanza”, la nuova misura del governo che si pone l’obiettivo di fornire un aiuto economico mensile a tutte quelle famiglie che si trovano momentaneamente in uno stato di disoccupazione ed in forte difficoltà economica.
La manovra inoltre, andrà anche ad “aiutare” i nuclei familiari composti da uno o più persone di età pari o superiore a 67 anni, attraverso la pensione di cittadinanza.

REQUISITI BASILARI 

Ecco un breve elenco dei requisiti necessari per poter richiedere il reddito di cittadinanza:

  • Essere maggiorenni
  • Essere cittadini italiani o dell’Unione Europea, oppure
  • Se si è extra-comunitari: essere lungo soggiornanti (avere cioè un permesso di soggiorno a tempo indeterminato); essere titolari del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente; essere familiari di un cittadino italiano o dell’Unione Europea.
  • Avere la residenza in Italia da almeno 10 anni di cui gli ultimi due anni in modo continuativo.
  • Per ricevere il reddito di cittadinanza, un nucleo familiare deve avere un valore ISEE inferiore a 9.360 euro.
  • C’è un limite di reddito patrimoniale. È necessario non superare un valore di 30 mila euro del patrimonio immobiliare, escluso il valore della prima casa di abitazione.
    Il patrimonio finanziario non deve essere superiore a 6 mila euro, ma questo limite cambia in base al numero di componenti della famiglia – può arrivare a 10 mila euro nel caso di una famiglia con due figli e poi aumenta di altri 1.000 euro per ogni altro figlio – e in base alla presenza di componenti con disabilità (il limite aumenta di 5 mila euro per ogni componente con disabilità).
  • C’è un limite di reddito familiare. Deve essere inferiore a 6 mila euro annui per una famiglia composta da una sola persona e può arrivare fino a 12.600 euro per le famiglie più numerose. Se il nucleo familiare abita in una casa in affitto, la soglia si alza a 9.360 euro per una persona che vive da sola e può arrivare fino a 19.656.

PRESENTARE LA PROPRIA DOMANDA

Vi ricordiamo che prima di poter presentare la propria domanda, occorre presentare la dichiarazione sostitutiva unica (DSU) per l’ISEE presso L’INPS, che attesta i dati del nucleo familiare, reddito e situazione patrimoniale mobiliare o immobiliare. L’INPS impiegherà circa 10 giorni lavorativi per ricevere la richiesta, e la elaborerà nei 5 giorni successivi, verificando il possesso dei requisiti usando le proprie banche dati e quelle delle amministrazioni collegate.

Il modulo è in formato .pdf, composto da 4 pagine in cui vengono spiegati il funzionamento della misura e i requisiti per accedervi, con ulteriori altre 5 pagine da compilare.
Sarà possibile richiedere il reddito di cittadinanza, quindi presentare il modulo compilato, solamente dal 6 marzo in poi, dopo il quinto giorno di ogni mese. Il modulo può essere presentato negli uffici postali, nei centri di assistenza fiscale (CAF), o anche attraverso il portale principale del reddito di cittadinanza, accedendo esclusivamente tramite SPID.
Il modello contenente tutte le indicazioni, requisiti e modulo da compilare è disponibile all’interno del portale INPS. L’esito positivo della propria pratica verrà comunicato ufficialmente via mail o sms, il credito verrà emesso su una carta di pagamento elettronica, emessa da poste Italiane.

Menu