[news] Svezia: troppe offerte di lavoro, si assumono stranieri anche se non conoscono la lingua

Non sai lo svedese ma vorresti andare a vivere e lavorare in Svezia? No problem, da oggi si può. Sì, perché il Paese scandinavo ha troppe offerte di lavoro e troppe poche richieste di lavoro e per far fronte al rischio di calo di produzione le aziende locali hanno deciso di abbassare drasticamente il livello minimo di conoscenza linguistica richiesto.

LEGGI ANCHE: Si ricercano Saldatori nelle principali città d’Italia

In Svezia in questi ultimi anni è stato boom economico e alle aziende del settore manifatturiero e di eccellenza mancano i lavoratori. Troppa la richiesta di posti di lavoro, troppo pochi gli svedesi. Ed ecco, dunque, che le grandi aziende devono affidarsi volenti o nolenti agli immigrati, spesso senza poter pretendere una conoscenza linguistica sufficiente. Sono molti i lavoratori stranieri che vengono assunti senza sapere lo svedese, o che hanno appena iniziato a studiarlo e che hanno un livello non superiore alle prime classi elementari.

LEGGI ANCHE: Concorsi VFP1 Marina Militare: si ricercano 1920 volontari

“Di fatto è stata la direzione aziendale a venirci incontro. Hanno abbassato gli standard interni di conoscenza della lingua locale. E poi ci aiutiamo spesso tracciando disegni. A volte all´inizio è difficile, ma il linguaggio dei disegni nasce e si sviluppa alla catena di montaggio ogni giorno, a seconda delle esigenze produttive, per cui si finisce per capirsi sempre di piú” ha raccontato all’emittente SverigesRadio Paul Ntambi, giovane emigrato dall’Uganda che lavora per la Scania.

LEGGI ANCHE: Cercasi Hostess nelle principali città d’Italia

“Da qualche tempo la domanda di lavoro da parte nostra è tanto cresciuta che la Randstad (l´azienda che è la principale agenzia di collocamento) ce la fa solo a volte a offrirci lavoratori che parlino svedese correntemente” racconta, invece, Helena Segerberg-Bystrom, responsabile della linea di montaggio di Scania. Ed ecco, dunque, che i livelli linguistici richiesti sono stati abbassati. Il risultato? Circa 89mila posti di lavoro nuovi creati e assegnati a stranieri. E per la lingua? All’inizio, come detto, ci si intende a gesti e disegni, ma la politica aziendale è quella che il neoassunto con poca conoscenza dello svedese venga affiancato da almeno un operaio nativo, così impara la lingua più velocemente.

Devi essere connesso per inviare un commento.
Menu